postare……..

Ero certa di riuscire a postare le mie ultime lavorazioni……ma cerca cerca……le foto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Dimenticate……devo rimandare………………

Ma non voglio lasciare questa mia pagina così….con poche righe……

Allora vi lascio con una traccia di un bel libro che sto leggendo, di uno scrittore-pschiatra che seguo……e che mi piace…….

“Vademecum per un genitore che non si vuole rassegnare”

“[…] Educare è libertà, il resto è addestrare, ammaestrare, indottrinare, inculcare, istruire. L’educare necessita coraggio […]. Condividere il pane implica riconoscere che ciascun commensale è dotato di dentatura propria, nessuna identica, come impronte di polpastrelli. L’accompagnare prevede una giusta distanza, quella che il contadino sa imporre quando pianta i suoi alberi in modo che ciascuno vada incontro al proprio sole, alla propria neve, al proprio vento, alla propria pioggia. La giusta distanza tra genitore e figlio, tra insegnante e alunno: per poter parlarsi, distinguersi, ascoltarsi, come a una bella tavolata imbandita di gioia e voglia di stare insieme.
Accompagnare non significa necessariamente viversi addosso, in un contatto continuo anche se virtuale; al contrario si può capire davvero di amare un’altra persona solo quando ci si allontana da essa, quando si rispetta il suo desiderio o bisogno di andare. Se si sta sopra un figlio non lo si cresce ma lo si asfissia, gli si toglie la possibilità di cercare la strada verso la luce anche sbagliando, lo si rende inutilmente contorto. Lasciare i figli davanti alla responsabilità dei loro errori senza perderli di vista, ma senza mediare fra ciò che fanno e l’ostacolo incontrato: anche questo significa educare.
Come ad una buona cena non ci si alza troppo presto, una madre o un padre non dovrebbero aver fretta di giudicarsi. Lo potranno fare soltanto nell’ultimo giorno della loro esistenza: se avranno accanto qualcuno che gli carezzerà la fronte e gli racconterà una storia, vorrà dire che se lo sono meritato. Se invece saranno tutti nella stanza del notaio ad aspettare l’apertura della busta, vorrà dire che è quella busta l’unico valore condiviso.
Perché si giudicherà di te seguendo il colore delle tue tracce, dice un proverbio tuareg…E aggiungo, il colore della tracce di chi hai accompagnato in quell’avventura che è il vivere. Accompagnare implica l’arte del vivere.”

A presto.

postare……..ultima modifica: 2010-05-04T09:08:28+00:00da angie-angie
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “postare……..

  1. Io non sono mamma, ma penso che sia difficile esserlo; tuttavia cercherò di applicare questi insegnamenti per i rapporti con le altre persone specialmente in famiglia e con gli amici cari. Grazie per aver condiviso questa bella pagina!

    Sabina

  2. hahahahahaahahh Guarda Angie, io all’inizio, appena letto il tuo commento, avevo pure giurato di non ridere, ( se me lo chiede la Angie, devo essere rispettosa …)poi sono andata dove mi ha portato il link e non sono riuscita a mantenere fede al giuramento apena fatto
    ;-)) Sono scoppiata a ridere. Ma che hai combinato?
    Hai mmazzato un blog ancora prima di farlo nascere..incredibile,solo tu hai queste “qualità tecniche”
    Vabbè che pure qui ci sarebbe da dare una “raddrizzata”, ( ma che gli fai a sti template?) ma dall’altra parte stai messa peggio 🙂

    Vabbè dai, l’importante è che ci sia una base, a togliere o aggiungere fai sempre in tempo no?
    Quindi cosa ne pensi, si rimane qui o si fa il passo dall’altra parte?
    Io sono nell’indecisone più completa..
    Cerco coniglio opss…conSiglio urgente e spassionato..

Lascia un commento